Effetto Havel. Gli scritti dei «senza potere»

In una sorta di libera officina del pensiero, una cerchia di dissidenti cecoslovacchi e polacchi si mise a riflettere sull’io e la politica, a partire dalla traccia proposta da Havel. Recuperiamo qui i nomi e le idee dei protagonisti di questa stagione creativa della cultura europea del ‘900. → da “La Nuova Europa” 4/2013:

Společenský život v komunistickém ČSSR v 70. a 80. letech…

Con la categoria “Tesi” si intende raggruppare tesi di laurea dedicate alla storia del dissenso, depositate e già pubblicamente disponibili online presso alcune università della Repubblica ceca.   Společenský život v komunistickém Československu v 70. a 80. letech na příkladu bytového semináře v Olomouci Univerzita Palackého, Filosofická fakulta Tesi di Iva …

La storia del VONS

«Non posso vivere altrimenti, qualunque cosa mi dovesse costare!» – è il titolo della mostra allestita in questi giorni presso la Galleria Montmartre a Praga e dedicata all’attività del Comitato per la difesa degli ingiustamente perseguitati (VONS), a 30 anni dal processo ai suoi fondatori. Braccio operativo dell’iniziativa informale cecoslovacca …

Václav Benda: lettere dal carcere

È riduttivo pensare che il dissenso, in Europa centrale come in URSS, sia stato un fenomeno che ha coinvolto esclusivamente personaggi del mondo culturale e politico “laico”. Ciò impedirebbe di coglierne una delle componenti essenziali, quella religiosa. Anzi spesso sono stati proprio i credenti a corroborare le iniziative del dissenso …

Jan Patočka (1907-1977)

I dissidenti ci hanno insegnato a resistere al nichilismo, diceva Glucksmann nell’intervista a Il Giornale (3.10.2008), citando la figura del filosofo-dissidente ceco Jan Patočka (1907-1977), agnostico, firmatario dell’iniziativa civile “Charta77” e morto in seguito agli estenuanti interrogatori cui fu sottoposto dalla StB, la polizia politica del regime comunista cecoslovacco. In …