Vsevolod Zaderackij, quando la musica salva la vita

Insegnò musica al figlio di Nicola II, combatté contro i Rossi, finì prigioniero nell’edificio dove alloggiava il capo dei čekisti che lo risparmiò dopo averlo sentito suonare. Il regime sovietico lo condannò al lager della Kolyma, dove riuscì a comporre 24 preludi sui moduli per il telegrafo.

Tra i personaggi intervistati nel documentario Kolyma, all’origine della nostra paura, girato dal giornalista Jurij Dud’ e dedicato alla storia dei  lager del Nord-Est sovietico,  c’è lo storico di Magadan Artem Kovalev, molto attivo non solo nel recupero della memoria ma anche nel presentare le bellezze locali. Una volta – racconta – bighellonava nel museo cittadino durante un’edizione della «Notte al museo» e ad un tratto la sua attenzione fu attirata dalla teca contenente oggetti appartenuti al musicista e compositore Vsevolod Zaderackij (1891-1953), detenuto proprio alla Kolyma, dove aveva composto della musica senza avere a disposizione alcuno strumento. «Cercai il suo nome su iTunes, non avevo gli auricolari con me, ma mi bastò avvicinare il cellulare all’orecchio per cogliere tutta la potenza di quella musica».

Leggi tutto